fbpx

Nonostante l’accelerazione impressa, in concomitanza con l’emergenza pandemica e in relazione all’adozione di forme di lavoro agile, alla transizione digitale delle imprese italiane, queste ultime hanno, finora, investito in nuove tecnologie, rispetto alle grandi realtà europee, in misura inferiore.

Questo è quanto emerso dal sondaggio, condotto dall’Osservatorio Digital B2B della School of Management del Politecnico di Milano per conto di Sap Concur e Altea People. Un quadro d’insieme che conferma una scarsa propensione delle aziende a investire nell’aggiornamento tecnologico. Nonostante, le più volte sottolineate ampie ricadute positive della digitalizzazione impresa, in termini di crescita, per tutti i comparti aziendali.

Digitalizzazione impresa: dove nascono le resistenze

Secondo i dati illustrati da Paola Olivares, direttore dell’Osservatorio Digital B2B, e Camillo Loro, ricercatore senior, il 78% delle aziende italiane ha investito meno del 5% del proprio fatturato in progetti di digitalizzazione. Alla base delle remore degli imprenditori, ci sarebbero una serie di fattori e tra questi emergono:

  • Assenza di una chiara visione sul digitale (per il 35% del campione).
  • Resistenze al cambiamento da parte del personale interno (35%).
  • Costi di attivazione troppo elevati (35%).
Imprenditori e digitalizzazione

Nonostante ciò, gli imprenditori e manager italiani sono sempre maggiormente consapevoli dell’importanza della digitalizzazione delle imprese, soprattutto per mantenere competitive le aziende sui mercati di riferimento. Per questo motivo, grazie anche all’acquisizione di più ampie conoscenze e professionalità in ambito digitale e alle varie agevolazioni garantite dallo Stato, nei prossimi due anni, lo scenario nostrano potrebbe rapidamente mutare.

Infatti, dallo studio del Politecnico di Milano, è anche emerso che il 44% degli imprenditori italiani vede la digitalizzazione impresa come una priorità di investimento nei prossimi anni. In tale ottica, tra le priorità, emergono i seguenti interventi:

  • sviluppare nuovi prodotti e servizi (per il 54% del campione);
  • sviluppo di nuovi mercati (26%);
  • rafforzamento della forza vendita (20%);
  • sostituzione di macchinari utili per rendere più efficiente il processo produttivo (13%).

EnjoIP: la digitalizzazione delle imprese necessita di soluzioni customizzate

EnjoIP è impegnata nell’affiancare le aziende nel processo di digitalizzazione. Puntando alla piena soddisfazione del cliente, attraverso soluzioni per la digitalizzazione impresa costruite ‘su misura’. Frutto di un rapporto relazionale con il cliente che fa dell’ascolto e dello scambio di conoscenze il suo fulcro. Garantendo un percorso di affiancamento che inizia con una consulenza progettuale e non termine con l’installazione ma prosegue attraverso un servizio di assistenza dedicata e manutenzione con risorse altamente specializzate.

Digitalizzazione impresa: l’Italia un passo indietro ma non per molto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici + 19 =