fbpx

Il programma Europa digitale finanzia la diffusione delle tecnologie digitali tra le imprese e i cittadini. È stato suddiviso, dalla Commissione europea, su tre programmi di lavoro nei quali si delineano gli obiettivi e i settori tematici che riceveranno un finanziamento totale di 1,98 miliardi

Ci sono poi due programmi di lavoro specifici: il primo si concentra sui finanziamenti nel settore della cibersicurezza, con una dotazione di 269 milioni fino alla fine del 2022, mentre il secondo si concentra sulla creazione e la gestione della rete di poli europei dell’innovazione digitale, con un bilancio di 329 milioni fino alla fine del 2023.

Thierry Bretoncommissario per il Mercato interno, ai microfoni di CorCom, ha sottolineato che “entro il 2030 saranno i dati, il cloud, l’edge computing e il calcolo quantistico a trainare l’innovazione industriale e sociale, creando nuovi modelli di business”.

Gli obiettivi e i poli europei per l’innovazione digitale

Tra gli investimenti, compresi nel programma di lavoro principale, ci sono gli spazi comuni di dati, per facilitare la condivisione transfrontaliera degli stessi da parte di imprese e settore pubblico, e la realizzazione di servizi cloud to edge federati che garantiranno flussi sicuri di dati. Successivamente si punterà alla creazione di strutture di prova per la sperimentazione di soluzioni basate sull’IA, oltre alla realizzazione del super computer quantistico (EuroQCI).

Tecnologia basata sull’IA

Quest’ultimo garantirà un’elevata resilienza dagli attacchi informatici e, unitamente alla realizzazione di infrastrutture e strumenti a supporto della cybersecurity, conferma l’attenzione dell’agenda europea sul tema della sicurezza informatica. Grande importanza sarà data anche allo sviluppo delle competenze, attraverso il finanziamento di master sulle principali tecnologie digitali avanzate, oltre a corsi accelerati di digitalizzazione per le Pmi e sulla cybersecurity. Infine si punterà a rendere interoperabili i servizi pubblici digitali.

Per raggiungere gli obiettivi prefissati dal programma Europa digitale sarà istituita una rete di poli europei per l’innovazione digitale che forniranno anche sostegno alla trasformazione digitale delle organizzazioni private e pubbliche di tutto il Continente.

I primi inviti per il programma Europa digitale saranno pubblicati entro la fine di novembre. Ne seguiranno altri nel 2022. I programmi di lavoro saranno attuati principalmente mediante sovvenzioni e appalti. Alcune azioni saranno attuate in regime di gestione indiretta, e saranno le organizzazioni partner ad occuparsi degli appalti per i necessari sviluppi.

Con EnjoIP trasformi il cambiamento in opportunità

EnjoIP, in partnership con Planetel, offre un’ampia gamma di servizi per ottimizzare il processo di digitalizzazione di organizzazioni sia pubbliche, sia private.

Alcune delle nostre soluzioni:

  • VoIP e Web
  • Centralini virtuali
  • Fibra ottica
  • HotSpot
  • Sicurezza gestita
  • Cloud
  • Siti Web
  • Digital Marketing

Attraverso una prima consulenza gratuita, vengono identificate le soluzioni più adatte alle tue esigenze e l’eventuale presenza di requisiti per l’accesso a bandi e agevolazioni. Ma l’affiancamento non termina con l’installazione e continua con un servizio di assistenza e manutenzione garantito da personale altamente qualificato.

Programma Europa digitale: due miliardi dall’Ue
Tagged on:     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici + 2 =